Home page

LA PRIMA SCOPERTA DELL’OSSERVATORIO ASTRONOMICO AURUNCO

Abbiamo il piacere di annunciare la prima scoperta scientifica presso l’Osservatorio Astronomico Aurunco “Margherita Hack”, con sede in Ponte di Sessa Aurunca (Ce) .
Si tratta di una stella variabile, precisamene una binaria ad eclisse di tipo EW, nella costellazione del Drago con una magnitudine apparente che oscilla fra + 14.76 e + 15.26 V.La curva di luce che mostra le variazioni di luminosità della stella variabile. Ogni puntino corrisponde ad un'immagine.
La stella è stata denominata GSC 04244-00959 ed è stata inserita nel database AAVSO (American Association of Variable Star Observers).
Ecco il link https://www.aavso.org/vsx/index.php…
Una stella variabile è una stella la cui luminosità apparente cambia nel tempo. Esse possono presentare variazioni che vanno da pochi millesimi di magnitudine a venti magnitudini in periodi che vanno da frazioni di secondo ad anni.
Più in particolare la variabile scoperta rientra nella categoria delle binarie a contatto, cioè di stelle binarie (ovvero due stelle e non una) talmente vicine che le loro superfici si toccano. La loro vicinanza causa importanti scambi di materiale fra le due componenti che arrivano a condividere la stessa atmosfera e quindi ad avere temperature superficiali uguali. La loro forma è molto distorta dall’attrazione reciproca e marcatamente ellissoidale.La schermata di conferma della scoperta della stella variabile sul sito dell'AAVSO (American Association of Variable Star Observers, autorità mondiale nel settore.
La scoperta è stata effettuata dal nostro socio Pasquale Ago in collaborazione con gli astrofili Antonio Marino e Andrea Tomacelli della Sezione esopianeti e stelle variabili dell’Unione Astrofili Napoletani, e del noto astrofilo Nello Ruocco dell’Associazione Astrocampania (Osservatorio Nastro Verde di Sorrento).
Una grande soddisfazione per l’Associazione Astrofili Aurunca che arriva a pochi mesi di distanza dal “ventesimo anniversario” di fondazione. Una scoperta che conferma le grandi potenzionalità dell’Osservatorio Astronomico Aurunco, costruito nel 2003 dall’associazione aurunca senza alcun aiuto istituzionale ma solo grazie all’impegno ed alla passione dei suoi soci.
Un traguardo che desideriamo condividere con tutti i soci che in questi anni hanno fatto parte del nostro gruppo e che a diverso titolo hanno collaborato per la realizzazione ed il potenziamento dell’Osservatorio.

Pasquale Ago
Presidente Associazione Astrofili Aurunca

Ed ecco un'immagine a colori invertiti della nuova variabile (indicata dal cerchietto e dalla croce al centro)Ed ecco un’immagine a colori invertiti della nuova variabile (indicata dal cerchietto e dalla croce al centro)